0 0
Tartare di tonno fresco

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Persone
q.b. Olio E.V.O.
2 Spicchio d'aglio
1 mazzetto Coriandolo
1 Cipollina
1 Peperoncino Rosso
3 Lime
q.b. Sale fino
q.b. Pepe Nero
200 gr Trancio di tonno fresco
2 Arancia rossa
10 Pomodori Ramati piccoli
4 cucchiaini Panna acida

Valori Nutrizionali

228
Kcal
16gr
Grassi
7gr
Carboidrati
14gr
Proteine

Salva questa Ricetta

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Tartare di tonno fresco

Una delizia per il palato!

Caratteristiche
  • Pesce
  • Sushi
Cucina:

"Questa è una pietanza che devi assolutamente provare. Usa pesce incredibilmente fresco e ogni boccone sarà un vero risveglio per i sensi. ”

  • 25 min
  • Porzioni 4
  • Medio

Ingredienti

Procedimento

Condividi

Se il bel pesce fresco ti ispira esattamente come piace a quasi chiunque, questa ricetta della tartare di tonno fresco è qualcosa che devi assolutamente provare. Otterrai porzioni piccole e delicate, ma ogni boccone sarà un vero risveglio per i sensi. La tartare di tonno fresco è vista come una pietanza molto divertente da realizzare, perché la maggior parte delle persone, a meno che non siano abbastanza golose, non mangeranno carne cruda o pesce in casa, a meno che non siano dei veri e propri capolavori culinari.

Tartare di tonno fresco: la storia

La tartare di tonno è uno di quei piatti che funge da tela per la sensibilità culinaria e artistica di ogni chef. Aggiungere un pò di soia e zenzero e lascia che emerga un sapore infuso in Asia. Il mango o l’ananas producono un viaggio gustativo ai tropici. Fondamentalmente è una pietanza rinfrescante, relativamente un leggero pasto, che gioca sulla consistenza liscia e soda del pesce.Dati questi attributi, non c’è da meravigliarsi che la tartare di tonno fresco sia un alimento base nei menu di quasi tutti i paesi, ma non è sempre stato così. La tartàre (in italiano tàrtara) è una preparazione di carne o pesce crudo tritati finemente, con il tritacarne o, meglio, al coltello, cui si possono aggiungere condimenti o salse, come cipolla, capperi, succo di limone, aceto balsamico, tuorlo d’uovo.

Storia della tartare di tonno fresco

Alcuni esempi sono la “bistecca alla tartara“, le tartare di tonno, di salmone, di cavallo o di cervo.

Il nome deriva dalla leggenda secondo la quale il popolo nomade dei tartari, originario dell’Asia centrale, non avendo tempo per cucinare, poneva la carne essiccata sotto le selle dei propri cavalli per trovarla ammorbidita al momento del pasto.

Nella cucina piemontese troviamo anche un piatto fatto con carne battuta al coltello (preparazione, quest’ultima, che ha il pregio di non “spremere” la carne, come avviene con la normale macinatura a macchina) e aglio a tocchetti, la cosiddetta carn crua (“carne cruda”) o salada ‘d carn crua (“insalata di carne cruda”), condita con olio d’oliva, sale, pepe e succo di limone. Spesso la carn crua è servita, in quantitativi modesti, insieme ad altri antipasti.

Varie versioni di tartàre esistono poi nella maggior parte delle regioni dell’Italia settentrionale. Nella cucina romagnola, ad esempio, la “carne cruda” è un macinato di girello o girello di spalla, lasciato a marinare in abbondante succo di limone, olio d’oliva, sale e pepe.

Step

1
Bene

La preparazione

Versare un paio di bei cucchiaini di olio d'oliva in una piccola padella a fiamma media. Soffriggere delicatamente le fettine d'aglio fino ad ottenere delle sfoglie leggermente dorate; cerca di non bruciarle. Rimuoverle e posizionale su una carta da cucina per lasciarle drenare. Scegli 8 foglie di coriandolo e mettile da parte in una tazzina di acqua fredda.

2
Bene

La tartare

Inserisci metà del tuo mazzetto di coriandolo, metà della cipollina e metà del peperoncino in un mixer e aggiungi del succo di 1 lime e circa la stessa quantità di olio d'oliva. Se il composto ha bisogno di essere meno denso, aggiungi un piccolo spruzzo d'acqua. Trita finemente la metà rimanente del coriandolo, della cipollina e del peperoncino su una tavola con il tonno fino a quando il composto non è grossolano o fine come preferisci.

3
Bene

Tocco finale

Distendi 2 o 3 fette d'arancia nel mezzo di un coppapasta e inserisci la tua salsa verde. Mescola la miscela di tonno in una ciotola con il succo del secondo lime e la stessa quantità di olio d'oliva. Sala e pepa, condiscilo a tuo piacimento, quindi posiziona la tartare di tonno sulle fette d'arancia. Completa con alcuni quarti di pomodoro e una cucchiaiata di panna acida, quindi cospargi le sfogliatine all'aglio e le foglie del coriandolo. Servi subito con le fette del tuo terzo lime. Se vuoi aggiungere un pò di peperoncino a fette o un pizzico di paprika, e buon appetito!

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sotto per scriverne una!
frittata di cardi cenaunavoltablog
Precedente
Frittata di Cardi
Gnocchi pancetta, noci e rucola cenaunavoltablog
Successiva
Gnocchi pancetta, noci e rucola
frittata di cardi cenaunavoltablog
Precedente
Frittata di Cardi
Gnocchi pancetta, noci e rucola cenaunavoltablog
Successiva
Gnocchi pancetta, noci e rucola

Aggiungi Commento