0 0
Arancini Siciliani: la ricetta originale

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredienti

Persone
400 gr Riso Arborio
120 gr Macinato di Manzo
120 gr Piselli Freschi
1 cucchiaino Concentrato di Pomodoro
80 gr Burro
3 Uova
1 bustina Zafferano
3 cucchiai Grana Padano
60 gr Mozzarella
3 cucchiai Olio E.V.O.
1 pezzo Cipolla
q.b. Sale fino
q.b. Pepe Nero
q.b. Olio di Semi d'Arachide

Valori Nutrizionali

147
Kcal
9 gr
Prot
11 gr
Carb
10 gr
Grassi

Salva questa Ricetta

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

Arancini Siciliani: la ricetta originale

Un classico siciliano ormai tradizione nazionale

Caratteristiche
  • Finger food
  • Fritti
Cucina:

Un classico della cucina siciliana a base di riso entrato di diritto tra i prodotti agroalimentari tradizionali italiani

  • 2 ore
  • Porzioni 12
  • Medio

Ingredienti

Procedimento

Condividi

Gli Arancini Siciliani sono deliziose palline di riso siciliane fritte e croccanti con ripieno di ragù di carne, piselli e mozzarella e un croccante involucro di pan grattato.



L’arancino, che prende il nome dalle arance visto che gli Arancini Siciliani vi assomigliano abbastanza, sono meglio conosciuti nell’arte culinaria come un modo pratico per usare il risotto avanzato. Infatti, provengono da una terra mediterranea, il che non spiega l’invenzione di un gusto per i ricchi piatti a base di riso. In realtà, si dice che siano stati introdotti in Sicilia dagli invasori arabi che portarono il riso sull’isola nel X secolo.

Si pensa che gli Arancini Siciliani, inoltre, siano stati realizzati come food work: lo snack perfetto portatile e ad alta energia per una giornata di lavoro nei campi o in barca da pesca. Infatti, spesso, vengono descritti come l’equivalente siciliano di “un panino a pranzo”. Fanno anche parte di pranzi da picnic e, grazie alla loro capacità di essere gustati in grandi e piccole quantità, sono un alimento insuperabile per party e finger food.

Arancini Siciliani: la ricetta originale

Quasi tutti friggono in profondità i loro arancini ma è possibile realizzarli anche con una frittura superficiale, che funziona davvero bene! Inoltre, nella ricetta originale vengono aggiunte le uova nel riso per legarlo, ma se hai cotto bene il tuo riso, ed è abbastanza freddo, potresti anche ometterle.

Come suggerisce il nome, quindi, gli arancini dovrebbero essere abbastanza grandi, siano essi tondi o conici, anche se ora sono più popolari come antipasti e la forma comune si va via via restringendo. Se la tua preoccupazione è legata alla salute, tieni presente che gli Arancini Siciliani probabilmente non dovrebbero essere mangiati in grandi quantità e molto spesso, perché, fanno comunque parte di quegli alimenti fritti.

Queste palline di riso fritto sono l’ideale per risotti avanzati, puoi crearli da zero nel tradizionale stile siciliano e tu con cosa li farcirai?

Potrebbe interessarti “Frittelle alla pizzaiola”



Step

1
Bene

Il macinato

Posiziona in un tegame 20 g di burro a pezzi, l'olio e la cipolla tagliata a tocchetti. Mettila sul fornello e lascia imbiondire la cipolla, aggiungi poi la carne macinata e rosola finché non si asciuga. Unisci, quindi, i piselli, il concentrato di pomodoro precedentemente sciolto in un mestolo d’acqua calda, sale, pepe e cuoci finché i piselli non risultano morbidi e il composto ben asciutto. Lascia raffreddare.

2
Bene

Il riso

Versa 700 ml di acqua in una pentola capiente e portala a bollore, in un fornello adiacente sistema un pentolino con altra acqua e lasciala sobbollire. Non appena l’acqua bolle, versa il riso e man mano che l’acqua in pentola si asciuga, aggiungine dell’altra; porta a cottura continuando a girare il tutto. Quando il riso è al dente, l’acqua in pentola dovrà essere del tutto assorbita, aggiusta di sale e togli dal fuoco.

3
Bene

Il raffreddamento del riso

Versa nella pentola lo zafferano sciolto in un mestolo di acqua calda, gira il tutto e aggiungei 1 uovo, il formaggio grattugiato e i 60 g di burro rimanenti. Dopo una buona mescolata, versa il riso in un vassoio o un piatto largo e lascialo intiepidire.

4
Bene

La forma dell'arancino siciliano

Quando il riso è tiepido, può essere lavorato agevolmente con le mani per realizzare gli arancini. Stendi una noce di riso sul palmo della mano leggermente concavo, sistema nell’incavo che viene a crearsi un pezzo di mozzarella e un cucchiaio di ragù con piselli, racchiudi il tutto con altro riso cercando di realizzare una sfera. In alternativa alla sfera, puoi dare all’arancino la classica forma a cono.

5
Bene

La panatura

Passa l’arancino prima nelle uova sbattute e successivamente nel pangrattato, facendo attenzione a ricoprirlo in modo uniforme.

6
Bene

La frittura

Porta a temperatura l’olio, bollente ma non fumante, e friggi 3-4 arancini per volta finché non risultano dorati. Non friggerne troppi per volta, se la temperatura dell’olio si abbassa compromettete la frittura rendendola meno efficace e quindi unta.

7
Bene

Fase finale

Quando l’arancino è ben dorato, rimuovilo dalla pentola con un mestolo forato e passalo sulla carta assorbente per rimuovere l’olio in eccesso. Gli Arancini sono pronti, servili caldi o tiepidi.

Recensioni

Non ci sono ancora recensioni per questa ricetta, usa il form sotto per scriverne una!
torta meringata con cocco e mango cenaunavoltablog
Precedente
Torta Meringata con Cocco e Mango
Sformatino ai peperoni e cipolla cenaunavoltablog
Successiva
Sformatino goloso ai Peperoni e Cipolla
torta meringata con cocco e mango cenaunavoltablog
Precedente
Torta Meringata con Cocco e Mango
Sformatino ai peperoni e cipolla cenaunavoltablog
Successiva
Sformatino goloso ai Peperoni e Cipolla

Aggiungi Commento